Scopriamo insieme uno dei principali progetti realizzati dallo studio Domohomo Arquitectos. L’impresa ha ristrutturato un immobile di famiglia inutilizzato da diversi anni per trasformarlo in uno studio di architettura.

Una distribuzione in grado di adattarsi a qualsiasi necessità. Immagine di Domohomo Arquitectos

Il locale è ubicato nella zona meridionale della città, in un’area a rapido sviluppo urbanistico, sul percorso di pellegrinaggio di Santiago. L’intervento è stato sviluppato in funzione di due richieste ben definite, tenendo conto da un lato del preventivo – necessariamente a budget ridotto –, senza dimenticare l’obiettivo della ristrutturazione, ovvero realizzare un ambiente caldo ed accogliente nel quale svolgere l’attività professionale.

Il legno come materiale principale nel pavimento e nelle pareti divisorie. Immagine di Domohomo Arquitectos

Per mettere in pratica la seconda richiesta, l’impresa ha optato per il legno quale materiale principale da utilizzare sia nella zona interna come nella realizzazione di tutti gli elementi d’arredo. In tale senso la parte frontale dell’armadio riveste un ruolo primario in quanto assume la funzione di un grande contenitore che percorre l’intero spazio e conferisce allo studio una forma ortogonale. Grazie ad un sistema di apertura a libro, una parte del perimetro consente di incorporare la zona interna allo spazio generale quando necessario.

Vista generale dello studio. Immagine di Domohomo Arquitectos

In contrasto con questa superficie liscia e piatta, il resto del locale è caratterizzato da curve e contro-curve di colore biancastro. La prima impressione è di visitare un ambiente continuo ed uniforme, in realtà osservando più attentamente possiamo notare il sottile gioco di porte e passaggi, i quali, se aperti, ci consentono di scoprire nuove stanze o, semplicemente, di modificare la distribuzione spaziale.

Porte e ambienti adattabili. Immagine di Domohomo Arquitectos

Non si tratta di un capriccio da artisti; l’idea di fondo è stata attuata per rispondere ad una richiesta molto chiara. Sin dall’inizio è stato espresso il desiderio di realizzare due ambiti differenziati, eseguendo una ristrutturazione che non si limitasse ad ospitare la zona di lavoro degli architetti, ma che potesse anche servire come un supporto fisico, come un’area che consentisse ai vari creativi di far conoscere le proprie opere. Sulla base di tale richiesta gli spazi sono stati suddivisi in due zone principali, utilizzando la parte che dà sulla strada come zona di lavoro e riservando la parte posteriore in modo più indefinito, ovvero con funzionalità molteplici che spaziano dalla sala riunioni, all’aula didattica, o ancora come spazio per le esposizioni.

Ingresso della sala riunioni. Immagine di Domohomo Arquitectos

Sala riunioni. Immagine di Domohomo Arquitectos

Scheda tecnica:

Autori del progetto: Domohomo Arquitectos

Progettazione d’interni: Elena López Fernández e Xulio Turnes Vieito

Ubicazione: Avenida de Vilagarcía, nº 38, bajo – Santiago de Compostela

Anno di realizzazione dei lavori: 2011

Superficie: 48 m2