Uno dei progetti ecosostenibili che sta avendo molto successo nelle abitazioni è creare terrazze verdi, un’idea molto interessante che ha lo scopo di preservare l’ambiente.

Immagine di www.artsolarenergiasalternativas.com

Come abbiamo già discusso nei post precedenti, i vantaggi dei tetti verdi sono molti, tuttavia bisogna tenere in mente una serie di fattori che ci permetteranno di determinare quale tipo di tetto ci conviene maggiormente. Per questo, vi presentiamo le diverse alternative tra cui scegliere:

  1. La soluzione più economica e che richiede meno cura è la terrazza verde estensiva. Le piante che la compongono generalmente sono spontanee, crescono in modo naturale nella stessa zona nella quale si svolge il progetto. Per tale motivo, la manutenzione è minima. Il suo peso non deve superare i 200 kili.
  2. La seconda tipologia di terrazza verde è quella intensiva. In questa variante, si può piantare un’ampia gamma di piante, dagli alberi a tutti i tipi di piccole piante, l’unico limite da tenere in mente è che il tipo di vegetazione deve potersi adattare al clima ed alla zona nella quale si colloca. Infine, ricordiamo che questo genere di terrazza verde richiede molta cura nella manutenzione, dal momento che se vogliamo conferire al giardino una certa immagine dobbiamo potare le piante ed utilizzare fertilizzanti specifici. Per realizzare questo genere di progetto, è necessario disporre di una struttura in grado di sopportare 1200 kili.
  3. Infine, la terrazza semi intensiva o mista: è una combinazione del primo e del secondo punto. In questo caso non otterremo una terrazza uniforme ma piuttosto un miscuglio di caratteristiche diverse.

Questi sono i tre tipi di terrazze verti tra i quali scegliere. A seconda delle caratteristiche sopra elencate, opteremo per un tipo o per un altro.