Il marmo è una delle pietre più apprezzate nell’arredamento d’interni; la sua bellezza e la resistenza lo rendono adatto non solo per le pavimentazioni ma anche per i rivestimenti, le superfici da bagno e da cucina, camini, facciate, elementi d’arredo… per questo motivo è importante sapere come prendercene cura e pulirlo nel modo corretto affinché mantenga le sue proprietà nel tempo.

Fonte: porcelanosa.es

Pulizia

Il metodo più diffuso e pratico è utilizzare acqua calda e una spugna insaponata con detergente neutro, sciacquare ed asciugare al termine. Senza dubbio, in presenza di macchie difficili, diventa necessario ricorrere a tecniche diverse:

  1. Se il marmo presenta macchie di ruggine, possiamo applicare sulla zona del succo di limone o un po’ di aceto. Considerato che entrambe le sostanze hanno proprietà corrosive, non dobbiamo tenerle in posa troppo a lungo poiché potrebbero danneggiare seriamente il marmo.
  2. Se la superficie in marmo si è ingiallita, possiamo applicare una miscela di acqua e aceto che distribuiremo con un pennello ed infine risciacqueremo.
  3. Le macchie provocate dalla caduta di vino rosso o caffè possono essere rimosse con una soluzione composta da 3 cucchiai di borace diluiti in un contenitore con acqua. Anche in questo caso alla fine dovremo risciacquare.
  4. Anche alcuni solventi sono utili per rimuovere le macchie sul marmo, tuttavia dobbiamo prestare molta attenzione alle istruzioni presenti sulla confezione per evitare possibili danneggiamenti della superficie.
  5. Inoltre, anche le macchie causate dalle bruciature possono essere rimosse strofinando delicatamente la superficie.

La spugna viene utilizzata per rimuovere le macchie superficiali, lo spazzolino per le macchie comuni, mentre per le situazioni più complesse possiamo utilizzare la retina, però in modo molto delicato perché questo strumento è altamente abrasivo e quindi rischia di danneggiare il marmo.

Se abbiamo dubbi o se non ce la sentiamo di eseguire le operazioni di pulizia da soli, possiamo sempre ricorrere all’aiuto di un professionista nella manutenzione del marmo.

Fonte: www.granddesignstairs.com

Prodotti che danneggiano le superfici in marmo:

  • Sostanze acide e soluzioni alcaline forti
  • Esposizione ripetuta o prolungata a succo di limone, aceto e vino
  • Detergenti abrasivi e prodotti chimici
  • Detergenti lavavetri e ammoniaca

Fonte: todosobremarmol.wordpress.com

Conservazione

Il marmo presenta una superficie molto porosa, per questo motivo è consigliabile applicare uno strato di cera, che aiuta a chiudere i pori, rendendo la pulizia più semplice. Di tanto in tanto, dovremo rimuovere gli strati di cera accumulati, utilizzando prodotti specifici che possiamo acquistare in qualsiasi negozio specializzato.

Per aumentare la brillantezza del piano da lavoro della cucina, possiamo applicare il sale e strofinare la zona con un panno umido, per poi sciacquare ed asciugare. Se vogliamo ripristinare la brillantezza del pavimento in marmo, possiamo preparare una miscela costituita da 12 bicchieri d’acqua ed un bicchiere di acqua ossigenata, pulire e infine asciugare.

Seguendo questi consigli potrai mantenere il marmo della tua casa in ottime condizioni.