Uno dei metodi più semplici per risparmiare sui costi dei consumi elettrici è utilizzare gli elettrodomestici solo in determinate fasce orarie. In questo modo potremo ridurre le spese della bolletta semplicemente mettendo in funzione la lavatrice o la lavastoviglie in alcune ore, generalmente collocate nella fascia serale/notturna.

L’eccezione alle fasce orarie indicate di seguito varia in alcune circostanze, ad esempio se abbiamo stipulato un contratto nel mercato libero, dovremo attenerci alle condizioni imposte dall’impresa di riferimento. In tutti gli altri casi vale quanto segue:

  1. Le fasce orarie meno economiche si collocano generalmente tra le 8.00 e le 19.00 dei giorni feriali, mentre il sabato, la domenica ed i giorni festivi offrono tariffe più vantaggiose. In ogni caso ti invitiamo a contattare l’impresa di riferimento che vi fornirà delucidazioni in merito alle fasce orarie migliori per risparmiare sui consumi elettrici. Inoltre vi consigliamo di richiedere alla compagnia elettrica di installare un nuovo contatore che ti permetta di distinguere con chiarezza le diverse fasce orarie; in questo modo saprai gestire al meglio i consumi energetici.
  2. Quando non utilizzi gli elettrodomestici ricorda di staccare la spina per evitare che continuino a consumare energia in modalità “standby”. Ne abbiamo già parlato in passato ma è bene ricordarlo visto che si tende spesso a trascurare il peso degli apparati lasciati in tale modalità.
  3. Durante l’utilizzo degli elettrodomestici si consiglia di non eseguire azioni che ne riducono il corretto funzionamento. Ad esempio quando accendi il forno evita di aprirlo durante la cottura dei cibi in quanto ciò causa una perdita energetica pari a circa il 20%. Lo stesso vale per il frigorifero, che dovrebbe essere aperto solo quando necessario ed immediatamente richiuso.