Abbiamo più volte ribadito l’importanza di un utilizzo responsabile delle risorse energetiche nell’illuminazione delle stanze di casa. Per limitare i consumi è necessario, oltre a sfruttare la luce naturale, installare sistemi di controllo e di regolazione della luce artificiale.

Fonte immagine: blog.hola.com

Efficienza energetica ottimizzando la luce naturale

Per quanto possa sembrare ovvio, la luce naturale rappresenta il presupposto di base per limitare drasticamente i consumi, rappresentando una fonte di illuminazione perfetta: gratuita, accessibile e non nociva per l’ambiente. Perché non sfruttarla al massimo?

  1. Se stai costruendo o ristrutturando la tua abitazione, puoi pianificare la distribuzione degli spazi in modo da ottimizzare l’ingresso della luce naturale, pianificando la dimensione e l’orientazione delle finestre o l’eventuale creazione di aperture sulle pareti, o ancora installando lucernari e finestre da tetto.

Se desideri aumentare l’entrata della luce naturale senza eseguire lavori, puoi ricorrere a diversi trucchi pratici, come verniciare le pareti con colori chiari, installare specchi o mattoni di vetro. Ti ricordiamo che nei muri esterni i mattoni di vetro favoriscono l’ingresso di una luce diffusa, in aggiunta alle finestre; negli spazi interni, invece, i blocchi di vetro rappresentano un eccellente elemento decorativo.

Sapevi che per conseguire un’illuminazione naturale ottimale il vetro dovrebbe essere impiegato su circa il 20% della superficie della stanza?

Sistemi di regolazione e di controllo della luce artificiale

I sistemi di regolazione della luce sono dispositivi utilizzati per gestire l’accensione e lo spegnimento automatico delle fonti di illuminazione artificiale. Tra le varie soluzioni disponibili ricordiamo:

  1. Rilevatori di presenza: accendono e spengono una o più luci non appena rilevano una presenza fisica. Generalmente il loro funzionamento si basa su un rilevatore a raggi infrarossi; tuttavia altri modelli dispongono di sensori ad ultrasuoni o a microonde. Oltre a favorire il risparmio energetico, uno dei principali vantaggi di questi dispositivi riguarda la comodità di non dover azionare alcun interruttore quando si entra o si esce dalla stanza. Immagine di ahorroenenergia.com
  2. Temporizzatori: consentono di spegnere una fonte di illuminazione dopo un tempo prestabilito. Di conseguenza i temporizzatori ci evitano di lasciare le luci accese inutilmente, evitando di tornare nelle stanze per verificare che tutte le fonti di illuminazione siano spente.
  3. Regolatori d’intensità: si tratta di dispositivi che ci permettono di regolare in modo automatico o manuale l’intensità dell’illuminazione di una camera. Oltre a ridurre i consumi energetici, ci consentono di conseguire il giusto grado di illuminazione in base alle zone della casa, estendendo la vita utile delle lampadine.

Sapevi che i regolatori riducono l’intensità della luce del 40%, riflettendo tale percentuale sui costi della bolletta?